area riservata
   password persa?  |  iscriviti  |  diventa socio
cerca..

Comunicato AILOG emergenza Coronavirus

In poco più di quattro settimane dall’aggravarsi dell’epidemia di Coronavirus nel Paese, la stabilità dell’economia italiana è già fortemente a rischio, e il trend di continua crescita dei contagi in Italia ed in Europa delinea un futuro pieno di difficoltà. L’industria manifatturiera, pilastro del Sistema Paese, è tra i settori più danneggiati dalla situazione attuale. In questo contesto riteniamo che siano quattro le principali criticità con le quali le aziende italiane devono fare i conti:

RIDUZIONE DELLA DOMANDA PER LA MAGGIOR PARTE DEI SETTORI E DEI PRODOTTI
I consumi sono in diminuzione in Italia ed in tutta Europa. Il fabbisogno energetico in Italia si è ridotto dl 10%; la produzione industriale è in calo.
LIQUIDITÀ
La situazione di crisi rischia di compromettere fortemente la situazione delle casse delle aziende. Il mancato afflusso di liquidità dovuto allo stato di crisi potrebbe portare, già nel brevissimo tempo, all’impossibilità di poter adempiere a pagamenti verso fornitori e dipendenti. Ancora più grave per in particolare le piccole e medie imprese che costituiscono l’asse portante dell’industria italiana
MANODOPERA E TECNOLOGIA
La diffusione del virus e le misure di contenimento adottate stanno avendo un impatto sulla produttività delle aziende italiane di ogni settore, dal manifatturiero ai trasporti. Nei prossimi giorni la situazione potrebbe ulteriormente peggiorare. Gli operatori logistici continuano a lavorare per permettere il flusso di prodotti di largo consumo verso i negozi e quello di componentistica verso le aziende che hanno tenuto aperti i loro impianti. In questo contesto si è dimostrata critico l’impiego ancora parziale (e non sempre possibile) dei sistemi per lo smart work e per l’automazione. Ci siamo resi conto oggi che la diffusione di processi automatizzati nella logistica è ancora limitata e che la maggior parte dei processi dipende fortemente dal fattore umano.
ACCESSO ALLE MATERIE PRIME E TRASPORTO MERCI, PER MANTENERE ATTIVE FILIERE PRODUTTIVE E SUPPLY CHAINS
La limitazione all’operatività delle industrie cinesi ha fortemente compromesso l’afflusso di materie prime e di semi-lavorati, che sconta gravi ritardi. Inoltre AILOG ricorda che è essenziale tenere viva la supply chain complessiva, fatta di infrastrutture, aziende di servizi e prodotti. Ogni filiera produttiva va vista nella sua globalità: la chiusura anche di singole componenti rischia di compromettere l’efficacia del risultato finale.

A partire da un confronto interno con i suoi soci, AILOG propone:

AL GOVERNO ITALIANO E ALLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI:
• Di disegnare ed avviare un ampio programma di investimenti pubblici in infrastrutture fisiche e digitali e con misure a sostegno degli investimenti in automazione e tecnologie, sia per accelerare la ripresa economica, sia per continuare il processo di digitalizzazione e di automazione nelle imprese italiane
• Di intervenire con misure finanziarie e fiscali, come garanzie per crediti transitori, a sostegno della PMI in particolare per evitare fallimenti e contenziosi a non finire
• Di riprogettare le infrastrutture di trasporto per favorire una maggiore flessibilità e compatibilità fra trasporto passeggeri e merci, con regole e procedure armonizzate a livello Europeo per tutti i modi di trasporto
• Di attivare un Piano Europeo e nazionale che favorisca in tempi brevi lo sviluppo tecnologico nella logistica e nella produzione e la diffusione in tutto il tessuto produttivo di strumenti più avanzati di movimentazione, trasporto sostenibile e scambio di informazioni
• Di attivare un ingente flusso di liquidità attraverso garanzie e finanziamenti agevolati che consentano di diluire nel lungo termine l’impatto della crisi
• Di studiare ed implementare regole speciali per il bilancio 2020 per evitare problemi di default, in particole per le PMI

AGLI IMPRENDITORI E AI MANAGER DELLA LOGISTICA:
• Di ripensare le politiche del “sole sourcing” e di delocalizzazione della supply chain per ridurre i rischi di rottura totale di approvvigionamenti e di stock
• Di rivedere criticamente tutte le politiche di riduzione estrema delle scorte che hanno portato, nel momento della crisi, ad un irrigidimento delle catene di fornitura, ritardi, perdita di efficienza e a mancanze drammatiche di materiali strategici
• Di investire in automazione e tecnologie Industria 4.0 anche nella logistica, in analogia con quanto è avvenuto nel manifatturiero, al fine di migliorare l’integrazione fra aziende, la flessibilità e la velocità di risposta alla domanda e la resilienza dei processi logistico-produttivi

Condividi
linkedin email whatsapp facebook twitter google plus
Contattaci

* dati obbligatori

AILOG
Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management
ELA – European Logistics Association – Socio fondatore
VIA CORNALIA, 19 - 20124 MILANO

MAIL ailog@ailog.it
TEL. +39 02 66710622 | CELL. +39 335 1266523
seguici su linkedin
© 2016 - AILOG Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management - Cod.fiscale: 97012770158AILOG Servizi srl - P.IVA: 10524910154privacy policy